Utilizzo getti irrigui in prossimità di impianti Enel Distribuzione

Enel distribuzione ha avviato una campagna volta a sensibilizzare istituzioni ed  associazioni di categoria del mondo agricolo sui rischi derivanti dalle attività di irrigazione realizzate in prossimità di reti aeree in tensione.

I rischi principali sono legati ai danni derivanti dalle scariche a terra che si generano quando l’acqua, erogata dagli irrigatori,  giunge in prossimità dei cavi in tensione; danni che colpiscono le stesse reti elettriche, gli impianti di produzione di energia, gli utenti del servizio e mette a rischio di  folgorazione chiunque possa trovarsi nelle vicinanze dell’impianto irriguo.

Enel ricorda  che la norma CEI 11-4 prevede che in ogni condizione di funzionamento dell’impianto di
irrigazione la vena continua del getto liquido non deve penetrare nella zona di guardia assegnata nell’intorno di ciascun conduttore o subconduttore del fascio energetico. Tale zona è  una sezione circolare, individuata nell’intorno del conduttore, di raggio mai  inferiore a m. 1

I danni derivanti dalla mancata osservanza della normativa comportano  l’avvio di procedimenti penali a carico dei soggetti che li hanno cagionati.

Enel sta procedendo a dei controlli, estesi all’intero territorio regionale,  al fine di individuare le possibili aree critiche e diffidare i responsabili di dette situazioni.

Il Consorzio fa propria questa campagna di sensibilizzazione ed invita tutti gli utenti che si avvalgono di impianti pluvirrigui fissi o mobili, posti in prossimità di linee elettriche aeree, a verificare che gli impianti non interferiscano con le linee elettriche apportando, se del caso, le tarature atte ad impedire il verificarsi della condizione di rischio.

Per maggiori informazioni Enel invita a contattare le proprie strutture al seguente recapito

Casella postale 144 – 30171 Mestre Centro-Venezia

Fax 0415060662

Nota ENEL utilizzo getti irrigui